Navigation

Message
2013/06/28 00:00:00 GMT+2

Presa di posizione dell'ASB sugli obblighi di diligenza ampliati al fine di impedire l'accettazione di patrimoni non dichiarati al fisco

  • L'ASB richiede la sospensione completa e immediata del presente progetto di legge. Alla luce dei crescenti sviluppi internazionali verso l'attuazione di uno scambio automatico di informazioni, il progetto di legge non è più adeguata e rischia di dunque di diventare inutile. Non ha senso creare basi giuridiche che alla loro entrata in vigore si rivelano già inutili e comportano per gli intermediari finanziari l'attuazione di onerose misure aggiuntive.
  • L’ASB rifiuta l’introduzione di obblighi di diligenza ampliati in aggiunta all’introduzione di un regime di scambio automatico di informazioni a livello internazionale. Questo parere è condiviso del gruppo di esperti Brunetti con uno scambio automatico di informazione. Gli obblighi di diligenza ampliati previsti comporterebbero inoltre un notevole svantaggio in termini di concorrenza globale, in quanto nessun altro Paese prevede o applica siffatte misure e detti obblighi di diligenza difficilmente si imporrebbero quale standard internazionale.
  • L'ASB continua a ritenere che sulla piazza finanziaria svizzera si acquisiranno e gestiranno in futuro solo patrimoni dichiarati. Questo stato di cose non sarà scalfito nemmeno dalla sospensione del progetto di legge relativo all'ampliamento degli obblighi di diligenza degli intermediari finanziari.