Navigation

Message

Difendere la competitività della piazza finanziaria – estendere l’accesso al mercato – migliorare il processo di regolazione – promuovere l’innovazione

I recenti dati relativi alla piazza finanziaria testimoniano le sue potenzialità:

  • In Svizzera, il settore bancario offre un posto di lavoro ben remunerato a 165 000 persone, un numero quasi pari a quello degli abitanti di Basilea.
  • Le banche formano più di 3600 apprendisti di commercio, pari all’8,4 per cento di tutti i relativi posti di apprendistato – quasi nessun altro settore in Svizzera può vantare cifre simili.
  • Il 6 per cento della creazione del valore, circa CHF 35 miliardi, è generato
    dalle banche.
  • L’8 per cento delle imposte versate in Svizzera, complessivamente circa CHF 11 miliardi, proviene dalle banche.

Queste le parole di Patrick Odier, Presidente dell’Associazione svizzera dei banchieri (ASB), sul ruolo determinante delle banche: «Negli ultimi anni si è spesso sottovalutata l’importanza della piazza finanziaria, che è la linfa vitale dell’economia – semplicemente, non si può farne a meno.» In buona parte, le banche sono in grado di preservare e potenziare autonomamente la loro competitività, molteplicità e produttività facendo leva sui propri punti di forza e mirando costantemente all’innovazione. Da politica e autorità il settore bancario si aspetta il sostegno necessario sotto forma di condizioni quadro ottimali dal punto di vista giuridico, fiscale e normativo, in modo da poter contribuire al benessere della Svizzera anche in futuro.

Standard internazionali: nulla di più, nulla di meno

Le banche in Svizzera si confermano tra le più solide al mondo, grazie anche a una normativa «too big to fail» (troppo grandi per fallire) tempestiva e applicata in modo sistematico. Accettando e mettendo diligentemente in pratica gli standard internazionali, come lo scambio automatico di informazioni (SAI), le banche contribuiscono alla certezza del diritto. Tuttavia, premono affinché anche altre piazze finanziarie si attengano agli standard internazionali nelle questioni fiscali. Fondamentale per lo scambio automatico di informazioni con un altro paese è che anche altre piazze finanziarie stipulino accordi di SAI con il medesimo paese. Occorrono poi soluzioni eque per la regolarizzazione del passato e opportunità per migliorare l’accesso al mercato. Le banche chiedono inoltre di rinunciare a tutti gli obblighi di diligenza estesi («strategia del denaro pulito») che vanno oltre gli standard internazionali e risultano difficili da comprendere per altri paesi e per i clienti.

Bisogna migliorare l’accesso al mercato

Il gruppo di esperti per l’ulteriore sviluppo della strategia in materia di mercati finanziari, in breve gruppo Brunetti, ha formulato raccomandazioni importanti per il miglioramento della competitività. Tali raccomandazioni devono essere messe in pratica con rapidità e coraggio. Nello specifico, in una prima fase più urgente occorre migliorare l’accesso al mercato europeo tramite negoziati bilaterali con i principali paesi. A lungo termine sarà inevitabile la ratifica di un accordo sulle prestazioni di servizi (finanziari) a livello dell’intera UE. Parallelamente, la Svizzera deve lavorare per ottenere miglioramenti con il riconoscimento dell’equivalenza nei dossier tecnici e la differenziazione a livello nazionale. Patrick Odier puntualizza: «Rischiamo che una quota rilevante di creazione del valore e posti di lavoro venga dislocata all’estero se non sapremo dare una risposta alle questioni ancora aperte in relazione all’Unione europea. Nei prossimi anni, per il successo della piazza finanziaria sarà decisivo trovare una soluzione a tali questioni.» Per l’ASB ciò che conta è riuscire a recepire l’Iniziativa popolare contro l’immigrazione di massa pur conservando i trattati bilaterali e risolvere le questioni istituzionali.

Processo di regolazione in funzione delle esigenze ed efficiente

Altro punto essenziale è la strutturazione di un processo di regolazione in funzione delle esigenze ed efficiente. Bisognerebbe regolamentare solo se necessario e con un rapporto costi/utilità favorevole. Tali aspetti vanno verificati a scadenze regolari. Le norme devono essere adeguate, trasparenti ed efficaci e scaturire dal dialogo con le parti interessate; dove ragionevolmente possibile, bisognerebbe preferire l’autoregolamentazione. Un progetto di norme preliminare garantirebbe trasparenza per i soggetti coinvolti. Bisognerebbe inoltre istituire un organo di verifica indipendente per la regolamentazione dei mercati finanziari che vigili sul rispetto dei principi in materia.

La piazza finanziaria resta orientata all’innovazione

Le banche stesse lavorano costantemente per conservare la propria competitività. Diverse misure, come il potenziamento dell’Asset Management, l’istituzione di un «hub per il renminbi» e la promozione di condizioni quadro ottimali per un ecosistema digitale, hanno consentito di compiere enormi progressi nell’ultimo anno. Patrick Odier sottolinea: «Per la competitività non servono solo condizioni quadro favorevoli bensì anche il continuo sviluppo di nuove attività. Lavoriamo incessantemente ai motori della crescita di domani.»

Nuovi membri del Consiglio di amministrazione

In occasione dell’Assemblea generale di quest’anno si proporranno tre nuovi candidati per il Consiglio di amministrazione: Dott. Patrik Gisel, dal 1° ottobre 2015 presidente della Direzione di Raiffeisen Svizzera, Yves Mirabaud, Associé Senior de Mirabaud SCA et Président du Conseil d’Administration de Mirabaud & Cie SA, nonché Jacques de Saussure, Associé senior, Pictet & Cie Group SCA et Président du Conseil d’administration, Banque Pictet & Cie SA.

#vote4finance

In una situazione in cui si avverte l’urgenza di un sostegno dalla suprema istanza politica, un anno elettorale rappresenta una sfida particolare, ma anche un’ottima opportunità. Con la campagna #vote4finance, l’ASB vuole dare risalto ai candidati alle elezioni parlamentari 2015 che dimostrano un particolare impegno a favore delle banche e dei loro interessi. Per maggiori informazioni si rimanda a www.swissbanking.org/vote4finance.

 

Giornata dell’Associazione svizzera dei banchieri

La Giornata dell’Associazione svizzera dei banchieri è l’Assemblea generale annuale dell’ASB e in quanto tale rappresenta uno degli eventi di spicco dell’anno bancario in Svizzera. L’edizione di quest’anno della Giornata dell’ASB si tiene in data odierna a Zurigo. Oltre al discorso di benvenuto da parte di Patrick Odier, Presidente dell’ASB, a portare il messaggio di saluto del Consiglio federale interverrà il Consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR). Uno dei temi principali della Giornata dell’Associazione svizzera dei banchieri 2015 sarà Fintech. La tavola rotonda sul tema sarà trasmessa in diretta su www.periscope.tv a partire dalle ore 17.55 circa. Questa Giornata è anche l’occasione per premiare i neodiplomati di apprendistato bancario 2015 che hanno conseguito le migliori note aziendali.

Il fulcro della Giornata dell’Associazione svizzera dei banchieri a Zurigo consiste nello scambio di opinioni tra personalità del mondo bancario, politico e industriale. All’incontro parteciperanno anche ambasciatori, che conferiscono all’evento un chiaro spessore internazionale. Sono attesi circa 450 ospiti invitati.

 

Swiss Banking@Niuws

Niuws è un’app che consente a un team di curatori dell’ASB di raccogliere notizie selezionate ogni giorno relativamente ad avvenimenti politici, normativi e aziendali che interessano la piazza finanziaria. Niuws può essere scaricata gratuitamente tramite lo store di iTunes e lo store di Google Play o richiamata all’indirizzo www.niu.ws/swissbanking.