Navigation

Message
2013/04/10 00:00:00 GMT+2

Dichiarazione dell'ASB in merito alla decisione del Lussemburgo di introdurre lo scambio automatico di informazioni sui pagamenti di interessi a partire dal 2015

  • Le banche svizzere ribadiscono da tempo l'importanza di una strategia del denaro pulito al fine di gestire in futuro solo patrimoni dichiarati al fisco.
  • Da marzo 2009 le banche sostengono anche l'adesione agli standard globali dell'OCSE in materia di assistenza amministrativa per le questioni di natura fiscale.
  • Le banche in Svizzera continueranno ad attenersi agli eventuali sviluppi di questi standard globali.
  • Il Comitato del Consiglio di amministrazione dell'Associazione svizzera dei banchieri verifica costantemente tutte le possibilità di manovra. Dall'analisi è emerso che lo scambio automatico di informazioni con l'UE per le banche in Svizzera non è una strada percorribile in quanto la Svizzera è uno Stato terzo e dunque possono essere richieste alla Svizzera misure equivalenti. Inoltre, non esiste attualmente alcun mandato di negoziazione da parte dell'UE.
  • Nell'ambito di questa equivalenza, le banche in Svizzera sono pronte a dialogare con l'UE su un ampliamento dell'accordo sulla tassazione dei redditi da interessi.