Navigation

Message
2012/11/23 00:00:00 GMT+1

Dichiarazione dell’ASB in merito al rifiuto dell’accordo fiscale con la Svizzera del Bundesrat tedesco

  • Nonostante l'approvazione del Governo federale tedesco e del Bundestag, il Bundesrat si è pronunciato contro l’accordo fiscale bilaterale con la Svizzera. L’ASB prende atto con rammarico di questa decisione, perché ritiene che il Bundesrat tedesco si sia lasciato così sfuggire un'importante occasione per adottare una soluzione duratura, ottimale ed equa per tutte le parti volta a regolare definitivamente le controversie fiscali bilaterali.
  • Troviamo tuttavia positivo che il dissenso sull’accordo fiscale da parte del Bundesrat tedesco non sia dovuto a motivi oggettivi, bensì esclusivamente a considerazioni di politica interna.
  • Sussiste ancora la speranza che venga convocata la commissione di mediazione tra Bundesrat e Bundestag per trovare una soluzione politica entro la fine dell’anno.
  • Indipendentemente dalla suddetta decisione, la piazza finanziaria svizzera proseguirà con fermezza il suo riposizionamento, acquisendo e gestendo in futuro soltanto patrimoni fiscalmente conformi. Elemento chiave di questa strategia nonché miglior soluzione possibile resta l’imposta liberatoria avviata dalla Svizzera, che regolarizza il passato e gestisce il futuro in modo fiscalmente corretto nel rispetto della sfera finanziaria privata.
  • Ci preme ricordare ancora una volta che sono già stati ratificati gli accordi con Gran Bretagna e Austria e che sono in corso trattative costruttive con Italia e Grecia. Anche altri Paesi europei hanno espresso il proprio interesse per l’imposta liberatoria.